Flora S

Schoenoplectus litoralis
Schoenoplectus litoralis

Si tratta della rarissima sottospecie Thermalis. Le piante si trovano solo al lago e lì solo accanto alla sorgente caldissima (60°) di acqua fortemente mineralizzata al lato sudest (di fronte al parcheggio).

Scorpiurus villosus (S. muricatus)
Scorpiurus villosus (S. muricatus)

Erba lombrica comune

Scrophularia canina (1)
Scrophularia canina (1)

Scrofularia comune

Scrophularia canina (2)
Scrophularia canina (2)
Scrophularia peregrina
Scrophularia peregrina

Scrofularia annuale

Sedum rubens
Sedum rubens

Borracina di Pantelleria

Selaginella denticulata
Selaginella denticulata

Selaginella dentata

Senecio leucanthemifolius
Senecio leucanthemifolius

(Senecio cineraria?) Senecione costiero, in pant.: erba tettu (?)

Serapias cordigera coss. (1)
Serapias cordigera coss. (1)

Serapide di Pantelleria

Serapias cordigera coss (2).
Serapias cordigera coss (2).
Serapias cordigera coss. (3)
Serapias cordigera coss. (3)

(Montagna Grande)

Serapias parviflora (1)
Serapias parviflora (1)

Serapide minore

Serapias parviflora (2)
Serapias parviflora (2)
Sideritis romana (1)
Sideritis romana (1)

Stregonia comune

Sideritis romana (2)
Sideritis romana (2)

Stregonia comune

Silene vulgaris
Silene vulgaris

Il nome del genere Silene si riferisce al palloncino del fiore che ricorda al compagno di Bacco Silene con la sua pancia rotonda. La piante è commestibile

Silybum m. Mariendistel 2 - 3.6.14 b
Silybum m. Mariendistel 2 - 3.6.14 b

Cardo mariano. La leggenda narra che le grandi foglie spinose allo stato di rosetta sono piene di striature bianche perché Maria, durante il viaggio verso l'Egitto allattando Gesù in un campo di cardi perse un po' di suo latte che cadde sulle foglie. Da quel momento il cardo acquistò le sue virtù e venne usato nella medicina popolare.

Silybum marianum (2)
Silybum marianum (2)

Il cardo mariano è una pregiata pianta officinale. L'attività principale viene dalla "silimarina" contenuta nei semi di cardo è quella epatoprotettiva e antiossidante. Per il trattamento delle affezioni a carico del fegato si beve un infuso e prende per un litro 10 semi schiacciati.

Silybum marianum (3)
Silybum marianum (3)

Le foglie del cardo mariano sono commestibile. Conviene raccoglierle giovane, scartando quelle più vecchie, poi si elimina la costola centrale e le spine. Con olio e un po' di limone sono ottime per una insalata..

Smilax aspera (1)
Smilax aspera (1)

Salsapariglia nostrana, in pant.: sciachisciuca. Il nome scientifico si riferisce a Smilace, una ninfa che i dei olimpici nella mitologia greca hanno trasformato in un rampicante.

Smilax aspera (2)
Smilax aspera (2)

La pianta rampicante dal fusto flessibile è cosparso di spine acutissime. Le foglie a forma di cuore hanno i margini dentati e spinosi. I germogli e foglie giovane si può usare in insalate e anche bollite. La radice ha proprietà sudoripare e depurative, può essere utilizzata in infusi per curare l'influenza, i reumatici, l'eczema. I fiori hanno un odore gradevole forte!

Smilax aspera (3)
Smilax aspera (3)

I frutti sono bacche verde, poi rosse e finalmente neri.

Smyrnium olusatrum (1)
Smyrnium olusatrum (1)

Corinoli comune. La pianta per il suo sapore aromatico veniva anticamente coltivata per uso alimentare, ma verso il Settecento fu soppiantato al sedano.

Smyrnium olusatrum (2)
Smyrnium olusatrum (2)

I germoli possono essere consumati crudi in insalata, le foglie e anche i bottoni floreali per aromatizzare minestre.

Sonchus oleraceus (1)
Sonchus oleraceus (1)

Grespino comune o Grespigno o Lattarolo, Nome pantesco: cadeddra. Pianta spontanea. Ci sono 2 altre specie un po' simile: Sonchus tenerrimus (della stessa famiglia di Asteraceae) e Sonchus asper (grespino spinoso), fra S. oleraceus e S. tenerrimus sono poche differenze.

Sonchus oleraceus (2)
Sonchus oleraceus (2)

La pianta diventa alta fino a circa un metro. Ha i fusti cavi che liberano un latice bianco se vengono tagliati. Le foglie sono abbastanza grande e molle, ma senza spine. I fiori sbocciano nelle ore più fresche del mattino per poi chiudersi non appena i raggi del sole diventano caldi. Il nome volgare "cardedda" deriva possibilmente dal fatto che i semi sono molto graditi dei cardellini.

Sonchus oleraceus (3)
Sonchus oleraceus (3)

Tutte le parte della pianta sono commestibile. La radice cruda o cotta, come i germogli, steli e fiori - e le foglie sono ottime per le insalate. La pianta possiede anche delle proprietà medicinali (febbrifuga, epatica, tonica ecc.), ma la medicina popolare di oggi non le usa come una volta.

Sonchus tenerrimus
Sonchus tenerrimus

Grespino sfrangiato. Le foglie sono più tenere delle foglie di grespino comune. La pianta è commestibile come tutte le specie di Sonchus.

Spartium junceum (1)
Spartium junceum (1)

Ginestra odorosa o ginestra di Spagna. Non appartiene al genere "Ginestra", ma al genere "Spartium" nella famiglia di Fabaceae. L'arbusto può arrivare oltre tre metri.

Spartium junceum (2)
Spartium junceum (2)

Il fiore e molto odoroso, sembra gradevole - ma attenzione: tutto la pianta è molto velenoso...! Possibilmente per questo si usa nella medicina popolare i giovani getti pesti applicati in loco per allontanare pulci e pidocchi (anche per animali). L'estratto dei fiori si usa per produrre profumi.

Stellaria media (1)
Stellaria media (1)

Centocchio comune

Stellaria media (2)
Stellaria media (2)

Foglie e fiori per l'insalata, succo e infusi per problemi della pelle.