Flora G, H, I, J

Genista aspalathoides (1)
Genista aspalathoides (1)

Ginestra di Pantelleria endemico (Cuddia di Mida,11.4.)

press to zoom
Genista aspalathoides (2)
Genista aspalathoides (2)
press to zoom
Genista monspessulana (1)
Genista monspessulana (1)

(id.: Teline monsp.) Citiso di Montpellier

press to zoom
Genista monspessulana (2)
Genista monspessulana (2)
press to zoom
Genista monspessulana (3)
Genista monspessulana (3)
press to zoom
Gladiolus italico
Gladiolus italico

Gladiolo dei campi (Piano del Barone). La spezie è distribuito ovunque nella Regione mediterranea, ma oggi è diventata rara poiché i diserbanti l'hanno limitata. Le infiorescenze sono poste a zig zag lungo lo stelo, i fiori sono porpora. Il nome deriva dal latino "gladio" e significa "piccola spada", un riferimento alla forma delle foglie.

press to zoom
Glaucium flavum (1)
Glaucium flavum (1)

Papavero cornuto

press to zoom
Glaucium flavum (2)
Glaucium flavum (2)
press to zoom
Glebionis coronaria (1)
Glebionis coronaria (1)

Crisantemo giallo. Il vecchio nome scientifico era fino a 1999 poi il nome del genere Chrysanthemum viene riservato per i fiori ornamentali dal giardino per lo più ibridi, originati da incroci da C. indicum e C. morifolium. Il vecchio nome scientifico sopravvive oggi nel nome popolare "crisantemo".

press to zoom
Glebionis coronaria (2)
Glebionis coronaria (2)

Commestibile come Glebionis segetum. I foglie e i giovani germogli possono essere usati come verdura o per aromatizzare alcune pietanze.

press to zoom
Glebionis coronaria (3)
Glebionis coronaria (3)

L foto mostra due Glebionis coronaria: G. coronaria e G. coronaria discolor d'Urville che porta fiori periferici ligulati gialli e bianchi e fiori centrali tubolosi gialli.

press to zoom
Glebionis segetum (1)
Glebionis segetum (1)

Crisantemo campestre, nominato anche Ingrassabue... Le foglie aromatici, i germogli e i fiori sono buonissimi in insalate crude.

press to zoom
Glebionis segetum (2)
Glebionis segetum (2)
press to zoom
Helichrysum errerae (1)
Helichrysum errerae (1)

(Id. con H. rupestre var. err.) Elicriso di Pantelleria (endemico!)

press to zoom
Helichrysum errerae (2)
Helichrysum errerae (2)

I fiori si usano per infusi in casi di dermopatia (pelle) e per il apparato respiratorio (tossifugo, espettorante), si prende 20 g sommità fiorita in 1 litro di acqua. I foglie su usa in cucina perché da il gusto di curry (ma ha niente da fare con il vero curry).

press to zoom
Helichrysum err. ed altre subspecie
Helichrysum err. ed altre subspecie

Nonostante l'H. errerae si trova solo sull' Isola di Pantelleria, si trovano anche le altre sottospezie H. italicum e H. stoechas o ibridi. Nella foto ci sono due Helichrysum diverse: una delle due piante fiorisce abbastanza dopo l'altra, una ha un forte gusto di curry e l'altra invece no...

press to zoom
Galactites tomentosa (G. elegante)
Galactites tomentosa (G. elegante)

Scarlina elegante commestibile

press to zoom
Hirschfeldia incana (1)
Hirschfeldia incana (1)
press to zoom
Hirschfeldia incana (2)
Hirschfeldia incana (2)
press to zoom
Hirschfeldia incana (3)
Hirschfeldia incana (3)
press to zoom
Heliotropium europaeum
Heliotropium europaeum

Eliotropio selvatico Nome pantesco.: erba piccicusa

press to zoom
Hyoscyamus albus
Hyoscyamus albus

Guisquiamo bianco (velenoso)

press to zoom
Hyoseris lucida (1)
Hyoseris lucida (1)

(Foto maggio) Radicchio spagnolo. Commestibile (ottimo per insalate).

press to zoom
Hyoseris lucida (2)
Hyoseris lucida (2)

Radicchio spagnolo a destra, a sinistra Grespino sfrangiatdo (Sonchus tenerrimus).

press to zoom
Hypericum perfoliatum
Hypericum perfoliatum

Erba di San Giovanni a foglie cordate o Iperico perfogliato. Il nome scientifico "perfoliatum" deriva dal greco "peri" (=tutt' intorno) e lat. "foliatus" (= dotato di foglie) e significa: con foglie che circondano completamente il fusto. Si può fare l'oleo rosso - come con le fiori di H. perforatum (vedi là).

press to zoom
Hypericum perforatum (1)
Hypericum perforatum (1)

L'iperico o Erba di San Giovanni. il nome scientifico della specie "perforatum" deriva dal fatto che le foglie controluce appaiano bucherellate, un effetto dovuto a ghiandole traslucide.

press to zoom
Hypericum perforatum (2)
Hypericum perforatum (2)

Nella fitoterapia tradizonale l*iperico è usato già dal antichità per le sue qualtià antisettiche, astringenti e antiinfiammatorie per trattamenti di scotture, ferite, piaghe. Anche oggi si prepare l'efficace l'olio di iperico macerando le fiori nell'olio di oliva al sole per 7 giorni. L'uso più interessante dell'iperico è scoperto relativamente recente: l'efficacia antidepressiva!

press to zoom
Inula viscosa (1)
Inula viscosa (1)

(id.: Dittrichia visc.) Enula viscosa

press to zoom
Inula viscosa (2)
Inula viscosa (2)
press to zoom
Juncellus laevigatus
Juncellus laevigatus

vedi Cyperus laevigato. Zigolo levigato (Foto: Lago)

press to zoom
Juniperus phoenicea
Juniperus phoenicea

Ginepro fenicio, Cedro licio. La sottospecie che si trova a Pantelleria si chiama '"var. turbinata (Guss.)"

press to zoom