ARACNIDI

(Ragni, Opilioni, Scorpioni)

Araneus angulatus
Araneus angulatus

Ragno da giardino cornuto. Sul dorso si trova Caratteristico sono i due gobbi sul dorso. Il disegno dorsale a croce è simile al ragno crociato, spesso circondato da un disegno che somiglia un po' a una foglia di quercia. Se disturbata fuga normalmente - ma dall'altro canto un morso non ha conseguenze per l'uomo.

press to zoom
Araneus diadematus
Araneus diadematus

Ragno dal giardino crociato. Sul dorso si trovano spesso un disegno a croce come al Araneus angulatus e Nel esemplare fotografato manca questo disegno tranne una allusione a un cancro, Durante il corteggiamento o dopo l'accoppiamento il maschio del ragno crociato (come il ragno angolari) rischia di essere divorato dalla femmina.

press to zoom
Argiope lobata (1)
Argiope lobata (1)

Argiope lobata, femmina ca. 15 mm, maschio ca. 5 mm: Il maschio spesso va divorato dopo l'accoppiamento, ma una parte del pene resta nella vulva e chiudendola come un tappo, allora la femmina è sicuro che i piccoli sono del maschio scelto...

press to zoom
Argiope lobata (2)
Argiope lobata (2)

Ragnatela con un tipo di stabilimento caratteristico. (La funzione del "stabilimento" è fino adesso non chiaro.)

press to zoom
Argyrodes argyrodes
Argyrodes argyrodes

Ragno scroccone. Ruba le prede a ragni più grossi di lui - senza farsene accorgere. Ha connesso sui fili con la ragnatela del grande amico. Succede anche che il ragno grande non è interessato a una preda troppo piccola.

press to zoom
Cyclosa insulana (1)
Cyclosa insulana (1)

Il ragno è noto per pizzicare su un filo verticale in mezza della tela dei "ragni finti" fatto con resti di preda e detriti, per mimetizzare il ragno vero.

press to zoom
Cyclosa insulana (2)
Cyclosa insulana (2)

Indovinello: qual`è il ragno vero?

press to zoom
Dysdera (species)
Dysdera (species)

6 mm Preda preferita: porcellini.

press to zoom
Euscorpius italicus (1)
Euscorpius italicus (1)

Scorpione italico, in pantesco: "granciu i terra". Gli scorpioni appartengono alla classe degli aracnidi, sono parenti delle ragni e hanno come loro 8 zampe. Lo scorpione italico raggiunge la lunghezza di 30 a 50 centimetri, vive in vicinanze delle case, spesso sotto pietre, ma anche nascosto dentro casa. Mangia piccoli animaletti come insetti uccidendoli con il suo veleno. Per l'uomo la puntura non è grave, è paragonabile con la puntura di una ape. La fuga è suo arma difensiva! Lo scorpione

press to zoom
Euscorpius italicus (2)
Euscorpius italicus (2)

Comunemente si pensa agli scorpioni come animali pericolosissimi. Non è giusto per tutti, anche se veramente risulta vero per molti delle due mila specie di scorpioni nel mondo, specialmente per i più grandi che raggiungono una lunghezza fino a 20 cm. Ma non avere paura dalla specie di scorpione italico a Pantelleria, l'unico rappresentante dei scorpioni sull'Isola. Dicono che se uno dovesse camminare su di una mano lui non neanche punge perché mai la farà sul substrato su cui posa le sue zampe!

press to zoom
Misumena vatia (1)
Misumena vatia (1)

Ragno granchio (un altro ragno camaleonte è Thomisus onustus)

press to zoom
Misumena vatia (2)
Misumena vatia (2)

Una coppia, il maschio piccolo, la femmina più grande, tutte due su un rametto di lavanda.

press to zoom
Metaphalangium cirtanum (1)
Metaphalangium cirtanum (1)

Opilionido, un cosiddetto "falso ragno" - vedi Opilio canestrinii. Caratteristico è la linea mediana bianca.

press to zoom
Metaphalangium cirtanum (2)
Metaphalangium cirtanum (2)
press to zoom
Opilio canestrinii (1)
Opilio canestrinii (1)

Gli opilioni appartengono alla classe degli aracnidi, ma non sono ragni, sono "falsi ragni", hanno gambe lunghe e un corpo intero (ragni hanno il corpo diviso), solo 2 occhi e non sono capace di emettere fili di seta.

press to zoom
Opilio canestrinii f. (2)
Opilio canestrinii f. (2)

Sopra dagli due occhi della femmina si vede una screziatura bianca.

press to zoom
Philodromus sp.
Philodromus sp.

Ragno granchio, appartiene alla superfamiglia dei Thomasidi (vedi Thomisus onustus), ma non sta in agguato alla preda come Thomisus onustus, ma prende la preda correndo.

press to zoom
Stegodyphus lineatus (1)
Stegodyphus lineatus (1)

Deserto ragno, una volta Eresidae lineatus. Il deserto ragno è rarissimo in Italia - si dava lungo tempo per estinto, ma era scoperto di nuovo a Pantelleria (2009 da Mario Colombo, vedi il foro Natura Meditarraneo e l'articolo di S. Menezzi nel "Le Prealpina" di 15.1.2018).

press to zoom
Stegodyphus lineatus (2)
Stegodyphus lineatus (2)

Il ragno costruisce suo nido e sua rete nei cespugli (foto: piante di rosmarino) con fili irregolari e un tubo lungo ca. 3 cm come nido. Spesso si trovano anche altre colonie sullo stesso cespuglio.

press to zoom
Stegodyphus lineatus (3)
Stegodyphus lineatus (3)

Maschio 0,8 cm, femmina: 1,0-1,5 cm, 8 occhi. Nel tubo la madre nutre per i primi giorni la sua pasta rigurgitando piccole porzioni di cibo, due settimane circa la madre e i suoi piccoli mangiano insieme preda fresca.

press to zoom
Synema globosum (1)
Synema globosum (1)

Ragno napoleone, femmina 7-8 mm, maschio 3 mm. Il disegno nero sull'addome ha una somiglianza con la silhouette di Napoleone.

press to zoom
Synema globosum (2)
Synema globosum (2)

con preda

press to zoom
Tegenaria (Fam.) (o Fam. Eratigena?)
Tegenaria (Fam.) (o Fam. Eratigena?)

Ragno delle case

press to zoom
Thomisus onustus
Thomisus onustus

Thomisus onustus. E un ragno granchio, e come Misumena vatia un ragno camaleonte. Il corpo è un po' triangolare, la Misumena ha spigoli arrontati.

press to zoom
Zygiella sp. (Z. atrica?)
Zygiella sp. (Z. atrica?)

Zygiella (1,5 mm). Il ragno lascia libera un settore della rete dove si trova solo un filo per segnalare la preda al ragno nascosto.

press to zoom